Informativa sui Cookie ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196
Utilizzando www.fotoamatoricosplay.com, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione.

Notizie dall'associazione

Vuoi rimanere in contatto con AIFA?
Visita il nostro forum!
Notizie e fotografie in tempo reale?
Seguici su Telegram!
Dom 20/05/2018

La foto di oggi

Nina Pin up
Autore: Enry

Prossimi eventi

Dal 02/06/2018 al 03/06/2018Imperial Garden-con
Dal 03/06/2018 al 03/06/2018Torre Comics
Dom 03/06/2018Parco Matildico
Mar 15/05/2018

Meteo Fotografi Maggio

Lo ammettiamo, questo è uno strano post rispetto ai soliti annunci politically correct di AIFA. Un po' come nelle previsioni meteo vogliamo raccontarvi che aria tira nell’ambito della fotografia cosplay. I temi ricorrenti nei corridoi delle fiere sono tre o quattro.

Il primo è il famoso hot topic sui fotografi che chiedono soldi. I professionisti, che pagano lo spazio in fiera e migliaia di euro di tasse l’anno, si lamentano della concorrenza sleale. AIFA però è principalmente popolato da fotoamatori che esprimono solidarietà su questo argomento ma non ne sono toccati direttamente. Quindi perché anche un fotoamatore che scatta gratis storce il naso? Perchè percepisce che la sua offerta di scattare gratuitamente è snobbata rispetto a quella di un fotografo a pagamento, questo indipendentemente dalla qualità del prodotto offerto. Ne consegue che si sente pure stupido a continuare a scattare gratis.

Altra questione da cortile che sta facendo borbottare un po' di gente è quella di vedere fotografi sconosciuti, ma pesantemente attrezzati come veterani dell’ambiente, mettere in posa personaggi di serie come Love Live al pari di ninja in stile Naruto con l’evidente scopo di trovare la “giusta angolazione per scoprire nuovi orizzonti”. E noi ci chiediamo: ma perché i cosplayer non si rifiutano di stare al gioco? Venite ad un set di AIFA e magari, se state posando con un personaggio di Hirohiko Araki, tra uno scatto e l’altro vi consigliamo anche il nome di un buon fisioterapista.

Terzo tema, decisamente più serio e importante, è quello dell’entrata in vigore del GDPR. Mentre per la maggior parte dei fotografi che non si cura di raccogliere le liberatorie nulla cambia, chi affronta la privacy e il trattamento dati di persone fisiche per essere più tranquillo, in realtà lo è meno trovandosi da un lato una normativa europea e dall’altro la legge 196/2003 che, in assenza di un governo, non è ancora stata aggiornata.

Ultima tematica, per gli intenditori, il piano strategico per lo sviluppo della fotografia recentemente approvato dal Mibact. Solo parole o vedremo qualcosa di concreto? Lo spazio rimasto non ci consente di approfondire l’argomento qui e quindi ce la caviamo con un link: “Strategie di Stato per la fotografia”. A presto!

 

Realizzazione TecHelp 2015-2017